Liguria Pride 2018, Cecilia Strada: “Divisivo il Pride? Non c’è niente che unisca più dei diritti”

 In Diritti

Genova – In tanti hanno sfilato, ieri, sotto le insegne dell’arcobaleno.
Si parla di 10.000 persone almeno, in marcia attraverso la città per difendere l’inclusione, per difendere i diritti umani, per difendere la famiglia. Perché “famiglia” non è solo quella tradizionale, è di più, è il luogo che ti accoglie.
Ultimamente il nostro Paese sembra aver dimenticato il significato dei questa parola e allora occorre ripetere “sempre più ad alta voce delle ovvietà, come che l’amore è amore e dobbiamo farcene una ragione”  precisa Cecilia Strada, madrina del Liguria Pride 2018, che aggiunge: “Dobbiamo riguadagnare quei diritti che pensavamo acquisiti e abbiamo perso e conquistarci quelli che ci spettano per il futuro”.
Poi sul mancato patrocinio da parte del Comune di Genova, dettato dal fatto che il Pride sarebbe “divisivo”, distingue: “Sono le discriminazioni che dividono, i diritti uniscono sempre”.

Simona Tarzia

Recent Posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Start typing and press Enter to search