Cantiere Morandi, il Sindaco risponde alle proteste dell’opposizione e lancia una nuova data: “Se riusciamo, il 20 marzo si parte con la ricostruzione”

 In Cronaca

Genova“Mi sono sentito offeso dalla mancata presenza dell’opposizione alla riunione capi gruppo, anche perché avrebbero avuto una risposta scritta“.
Risponde così, il Sindaco-Commissario Bucci, alle proteste dell’opposizione sulla mancata discussione degli articoli 54 sulla demolizione del Morandi e il rischio amianto.

Mancate risposte del Sindaco, Giordano (M5S): “Dell’amianto si deve discutere in aula. È una questione di democrazia e trasparenza”

Poi legge alla Sala la risposta scritta: “Le procedure di abbattimento tramite esplosivo delle pile 8, 10 e 11, sono in discussione insieme al piano di emergenza, al DVR e al piano ambientale”, e ribadisce che non ne può parlare prima di avere l’approvazione di ASL, ARPAL e Prefettura.
“Qui c’è scritto chiaro e tondo – continua Bucci – massima disponibilità a parlarne ma non si può parlare di cose che non sono destate ancora decise”.

Sulla data di inizio dei lavori di ricostruzione, invece, si dice possibilista: “Se riusciamo, l’impegno è quello di posare le fondamenta della prima pila, nei pressi di quelle che ora sono la pila 2 e 3, il 20 marzo”.

Demolizione Morandi, sabato non ci sarà il botto. Il Commissario: “La salute è la priorità numero uno”

 

Recent Posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Start typing and press Enter to search