Decreto Emergenze: dalle zone colorate agli indennizzi. Tutto quello che c’è da sapere

 In Cronaca

Genova – È passato un mese dalla conversione in legge del Decreto Emergenze, ex Decreto Genova, ma i dubbi da chiarire sono ancora tanti: la sorte dei lavoratori delle aziende in zona rossa, gli indennizzi per i residenti in zona arancione, le misure previste per il porto, le esenzioni fiscali per gli immobili danneggiati e oggetto di sgombero, l’estensione della zona franca urbana.

Nel video l’intervento di ieri sera del Viceministro alle Infrastrutture e Trasporti, Edoardo Rixi, che in assemblea pubblica al Teatro Rina e Gilberto Govi di Bolazaneto, ha cercato di sciogliere le questioni di un decreto sofferto e travagliato che ha visto, nelle misure urgenti per la città di Genova, includere anche il condono edilizio per Ischia e l’uso in agricoltura dei fanghi da depurazione agli idrocarburi.

IL VICEMINISTRO RIXI SPIEGA GLI ARTICOLI DEL DECRETO E CONFERMA: “A GENOVA ARRIVERANNO 1 MILIARDO E 68 MILIONI”

ZONE COLORATE E ZONA FRANCA URBANA
Il Sindaco di Genova e Commissario alla Ricostruzione, Marco Bucci, definisce l’estensione delle zone a colori intorno al Morandi, partendo da una nuova Zona nera, interna a quella a rossa, che coincide con i manufatti da demolire.
Quindi spiega che sarà una nuova ordinanza sindacale a definire i confini della Zona Franca Urbana che, anticipa, comprenderà tre municipi: V Valpolcevera, VI Medio Ponente e II Centro Ovest.

GLI INDENNIZZI
A far chiarezza sulla questione degli indennizzi, molto sentita in assemblea, il Sindaco Bucci e il Governatore Toti che precisano le somme: per i proprietari residenti è previsto un “indennizzo per immediato sgombero” pari a 36.000 euro, e un altro di 45.000 euro per indennità del P.R.I.S. – il “Programma Regionale di Intervento Strategico” già utilizzato per gli interferiti dalla Gronda -, oltre a 2025,50 euro a metro quadro di valutazione degli appartamenti.
Poi ci sono i proprietari non residenti, ai quali spettano solo i 2025,50 euro a metro quadro.
Infine i residenti non proprietari che riceveranno le due indennità di 36.000 e 45.000 euro.

Più complessa la situazione della Zona arancione residenti, che non compare nel Decreto, ma per la quale i fondi sono compresi negli stanziamenti per la demolizione e la ricostruzione del ponte.
Ancora tutta da definire, la Zona arancione residenti verrà tracciata dopo la scelta del progetto del nuovo viadotto sul Polcevera.

Niente opere di compensazione, invece, perché non si tratta di nuova costruzione.

LA SALUTE DEI CITTADINI E IL LAVORO 

Recent Posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Start typing and press Enter to search