Benvenuti allo zoo safari della Zona rossa

 In Editoriale

Questa mattina, finalmente, gli sfollati del ponte Morandi rientrano in Zona rossa.
Una notizia che dovrebbe suscitare uno slancio di solidarietà e invece si nota, comune quasi a tutti, un atteggiamento poco incline al rispetto dell’intimità e molto vicino al voyeurismo di chi ferma l’auto in autostrada per guardare l’incidente mortale.

È questa la sensazione che ci lascia la vista dell’autobus scoperto che l’amministrazione ha previsto per accompagnare i giornalisti sotto casa di chi cerca di raccogliere i ricordi della sua vita precedente.
E così gli sfollati sono vittime due volte. 
In un mondo troppo grande per non essere spietato, dove tutto fa spettacolo al punto che il virtuale si sovrappone al reale, stiamo perdendo la nostra umanità, anestetizzati nella mente e nel cuore.

Pensateci questa sera, quando rientrate nelle vostre case. Sicure. Sulle quali non incombono i resti malati di un ponte.

Simona Tarzia

Ravera, Presidente del Comitato sfollati: "Sono basito"

Comitato liberi cittadini di Certosa, D'Agostino: "Questo pullman è abbastanza squallido"

Recent Posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Start typing and press Enter to search