Barnaba: cose da tranviere

 In Costume & Società

Buongiorno, cari lettori e utenti, un’altra settimana di passione è passata. E ancora siamo vivi, anche senza il Governo Cottarelli e con il fiato del mercato ora moderatamente sul collo. Certo che questi sfaticati di italiani ne hanno di risorse! 

Votano per essere governati dai ‘nuovi barbari’ (definizione che per quelli della Lega ci sta, d’altronde la loro mitologia prevede guerrieri longobardi, spadoni, corna e sacre ampolle, ma francamente mal si addice ai ragazzi del M5S da sempre più portati per una visione splatter punk e distopica fatta di sirene, scie chimiche, chip sottocutanei e complotti massonici. Comunque eccoci qua, ci siamo, siamo sul pezzo, un giorno abbiamo un ‘Governo del Cambiamento’, un altro un Governo del Presidente, quello dopo uno Tecnico, per poi ritrovarsi punto e a capo col quello Giallo-Verde detto anche brasiliano. Che saudade, mi manca un po’ quel periodo fatto di certezze in cui c’era un muro che ci divideva, da una parte i rossi dall’altra i bianchi, il Pentapartito, le ingerenze degli U.S.A. e della CCCP, i servizi segreti più o meno deviati, i giochi di potere, i goffi tentativi di colpo di stato, le svalutazioni della liretta, l‘Italia da bere che andava sempre ai mondiali. Sembra di parlare di un passato ormai mitico e più che lontano nel tempo, distante nella forma, eppure c’erano già i computer, i primi cellulari, la televisione, solo internet era ancora roba per pochi e forse la differenza sta proprio tutta qua, in questa velocità di connessione. Una volta il potere era veramente oscuro, la conoscenza andava sudata, oggi c’è tutto, sappiamo tutto, sappiamo troppo e spesso male; una stronzata detta a Bruxelles in un attimo ti rimbomba nelle orecchie e suona come il monito di una nazione ingerente contro un’altra. In uno scacchiere come quello internazionale fatto di bombe, petrolio, interessi e morte, ci sarebbe tanto bisogno di un’Europa coesa e innamorata della pace e della giustizia, avendo vissuto per la stragrande maggioranza della sua esistenza in sanguinosa divisione, ma basta connettersi e lasciarsi trasportare dalla rete o dalle centinaia di trasmissioni all-news satellitari per vedere che il nemico non è solo nel polveroso Medioriente, o seduto dietro le scrivanie delle multinazionali, il nemico è il nostro vicino di casa, il nemico è dentro di noi, lo vediamo riflesso nello specchio ogni mattina. E ogni mattina negli occhi del nemico leggo stanchezza, sfiducia, arroganza, ignoranza, egoismo che questa connessione globale incredibilmente alimenta, invece di spegnere.
Comunque, al netto di tutto, io sono solo un tranviere che deve andare dal punto A al punto B e questo dovrò fare a prescindere da ciò che di me come italiano può pensare un ministro del Lussemburgo o quella rubiconda coppia di tedeschi arrossati e sudati che ho appena preso a bordo alla stazione di Principe. Una cosa però la posso fare per staccarci un poco da questo inarrestabile flusso che ci lega ad una realtà che scorre troppo veloce e che per ora non ci piace, vi propongo la quinta puntata di ‘BARNABA PRESENTA: Cose da tranviere!’, perché alla fine della fola, un buon modo per andare avanti lungo la propria strada è cacciare via i brutti pensieri, come cantano i Caesars Palace in “Jerk it out”: 


Wind me up
                                                                                                                                                                             
 
(Liquidami)
Put me down                                                                                                                                                                      
(Gettami a terra)
Start me off and watch me go                                                                                                                                        
(Fammi andare via e guardami mentre mi allontano)
I’ll be runnin’ circles around you sooner than you know                                                                                                    
(un po’ fuori dal centro)
And I’m out of tune                                                                                                                                                           
(e mi sento stonato)
Just kickin’ this can along the avenue                                                                                                                         
(continuando a calciare questa lattina lungo la strada)
But I’m alright…                                                                                                                                                                  
(ma sto bene)…                                                                                                                                                                              
It’s already begun                                                                                                                                                                           
(è già iniziato)                                                                                                                                                                        
You feel it runnin’ through your bones                                                                                                                              
(senti che ti scorre nelle ossa)                                                                                                                                     
And you jerk it out.                                                                                                                                                                   
(e tu lo cacci via).

Partiamo dunque a spron battuto con il quinto blocco di dieci casi tipici che capitano quasi matematicamente durante la giornata tipo del tranviere genovese (sempre rigorosamente ordinate in modo casuale, che tanto nessuna è peggio dell’altra)!
Perché in un modo o in un altro, il bus va sempre avanti e per dirla alla Blondie: 

One way or another, I’m gonna see ya’                                                                                                                       
(In un modo o nell’altro ti vedrò)                                                                                                                                     
I will drive past your house and if the lights are all down                                                                                
(guiderò fino a casa tua e se le luci saranno spente)
I’ll see who’s around                                                                                                                                          
(guarderò chi c’è in giro) 

Di certo solo ad un tranviere capitano queste cose:

  1.  Con la nostra pluriennale esperienza, potremmo tranquillamente scrivere la Guida Michelin dei bagni pubblici della città. Perfino creare “CessAdvisor” e dispensare stellette alle toilette di ogni più sperduto bar della periferia. Financo indicare quale cespuglio o albero sia più confacente ad ogni tipo di necessità corporale. Quando evacuare diventa arte dell’adattamento.  
  2.  Questo sono convinto che lo provano tutti i colleghi, parlo di quello strisciante senso di colpa quando ti fanno scendere dal bus per portarti alla visita annuale a sorpresa, anche se non sei né ubriaco, né drogato. Servizio certamente importante, questo dei controlli  random, ma dalla confezione vagamente militar dittatoriale. Impossibile non sentirsi un po’ come una spia incastrata. 
  3.  Se almeno una volta, finito il turno, hai portato un ubriacone addormentato con te in rimessa. E quando cerchi di svegliarlo ti chiedi come diamine hai fatto non tanto a non vederlo, quanto a non odorarlo. E ti chiedi se questa non sia una delle funzioni sociali del trasporto pubblico…
  4.  Quando ti chiedono: “Mi scusi autista, ma il 18 cosa fa?” e vorresti tanto rispondere che tu il 18 sei in riposo e forse andrai a sciare, ma poi ti dispiace e cominci a descrivere il percorso di quella linea curva per curva, fermata per fermata.
  5.  Se prima salgono a bordo e poi ti chiedono con sguardo smarrito: “Scusi ma che numero è?”. E tu, chissà perché, ancor prima di rispondere con professionalità, pensi a Pavlov e ai suoi cani addestrati a sbavare… 
  6.  Se hai un gruppo di fedelissimi che ti seguono fotografando il tuo bus in ogni suo particolare e da qualunque angolatura e che ti fanno una miriade di domande sulla meccanica, sui nuovi modelli, su quelli che arriveranno in futuro e tu rispondi come puoi, perché tanto già sai che ne sanno più te…
  7.  Se ti capita di essere alla guida della tua auto e di accostarti a una fermata perché una tipa ha fatto segno… al bus dietro di te. E allora, lì fermo, giustifichi la manovra fingendo di esserti accostato per controllare se le lenti a contatto sono ben posizionate, pur portando gli occhiali in quel momento…
  8.  Se i primi giorni di lavoro, giovane tranviere in erba, dopo un doppio turno, ti capita, mentre torni a casa con il tuo scooter cinquanta, di fare una fermata, perchè sei convinto di guidare ancora il bus. Questa è peggio di quella precedente. Non ci sono scusanti.
  9.  Quando sono le 10:00 e al capolinea ti chiedono: “Mi scusi lei è il 385 delle 10:10?”, tu gli rispondi di sì e ti senti ribattere: “E a che ora parte?”. E allora solo il conficcarti le unghie nelle cosce potrà salvarti dal commettere un reato penale.
  10.  Se sei in ferie in Germania e ti chiama il controllore per sapere come mai che quel giorno non sei a lavorare e ti rendi conto che hai lasciato un buco nel tuo geniale piano vacanza, fatto di incastri tra ferie spettanti, donazioni sangue, NP e cambi riposo con diversi colleghi. “Guarda sono a Friburgo, non credo di riuscire ad essere lì per le 15:45”…

Nel frattempo                                                                                                                                                                   
un abbraccio a tutti Voi                                                                                                                                                         
dal Vostro autista Barnaba

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search