Genova ricorda Giuseppe Garibaldi

 In Costume & Società

Genova, città dell’Inno nazionale, ricorda Giuseppe Garibaldiin occasione del 158° anniversario della partenza della spedizione dei Mille.

Mercoledì 9 maggio, alle ore 9.45, allo scoglio di Quarto, verrà deposta una corona alla Stele dei Mille. Alle ore 10, davanti al monumento di Quarto, la banda musicale di Cornigliano eseguirà inni risorgimentali e verrà deposta una corona.
Seguiranno gli interventi di: Francescantonio Carleopresidente del municipio IX Levante, Armando Siciliapresidente della federazione provinciale dell’associazione nazionale Combattenti e Reduci, Enzo Baldinipresidente A.N.V.R.G. Sezione di Genova – Chiavari “Sante Garibaldi”.
Seguirà l’orazione celebrativa tenuta da Arianna Viscogliosi,assessore alle Pari opportunità e Personale del Comune di Genova. Successivamente, verrà eseguito l’inno di Mameli, cantato insieme ai ragazzi della Scuola secondaria I grado Antonio Cantore IC Montaldo e Bernardo Strozzi IC Quarto.
Infine, si formerà un corteo, accompagnato dalla banda musicale di Cornigliano, che si dirigerà a villa Garibaldi dove verso le 11 verrà deposta una corona in ricordo del soggiorno di Giuseppe Garibaldi.

Domenica 6 maggio,come ogni prima domenica del mese, il Museo del Risorgimento, situato nella casa natale di Giuseppe Mazzini, via Lomellini 11, sarà aperto al pubblico dalle ore 10,00 alle ore 19,30, con ingresso gratuito per i residenti nel Comune di Genova.
Il Museo del Risorgimento conserva ed espone un ricco patrimonio storico e artistico (documenti, dipinti, stampe, armi, uniformi, fotografie, cimeli), attraverso il quale rivivono le figure simbolo del Risorgimento: Mazzini e il movimento repubblicano e democratico, Garibaldi e le Camicie Rosse, Goffredo Mameli e l’Inno d’Italia. Il percorso espositivo ripercorre le vicende storiche che hanno portato all’Unità d’Italia, dalla rivolta genovese antiaustriaca del 1746 sino all’inaugurazione del Monumento ai Mille di Quarto nel 1915.

Ti potrebbe interessare anche:

1861, Cavour disse: “Non si perda tempo a fare prigionieri”

 

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search