Mine e bombe inesplose, in Siria è emergenza. MSF: “Numero di feriti raddoppiato tra novembre 2017 e marzo 2018”

 In Esteri

L’allarme di Medici Senza Frontiere: raddoppiano i feriti per mine mentre le persone rientrano alle loro case

In Siria nord-orientale il numero di persone ferite da mine, trappole esplosive e bombe inesplose è raddoppiato tra novembre 2017 e marzo 2018.
La metà delle vittime sono bambini, alcuni anche di un anno, che con le loro famiglie stanno rientrando nelle loro case dopo che i combattimenti si sono placati nei governatorati di Raqqa, Hassakeh e Deir ez-Zor.
Nella giornata mondiale contro le mine, Medici Senza Frontiere (MSF) invita urgentemente tutte le organizzazioni e gli attori coinvolti, a livello internazionale e locale, a rafforzare e accelerare l’azione di sminamento e le attività di informazione al rischio mine, migliorando l’accesso alle cure mediche salvavita per le vittime di ordigni esplosivi.

I pazienti ci raccontano di aver trovato mine e trappole esplosive nei campi, lungo le strade, sui tetti delle case e sotto le scale. Perfino teiere, cuscini, pentole, giocattoli, apparecchi per il condizionamento dell’aria e frigoriferi sono stati manomessi durante la prolungata assenza delle persone, e sono pronti a esplodere quando le persone rientrano per la prima volta in casa dopo aver vissuto da sfollati per mesi o addirittura anni,” dichiara Satoru Ida, capomissione di MSF in Siria.

Nel nord-est della Siria, MSF supporta due ospedali: uno a Tal Abyad, che riceve feriti per lo più dal governatorato di Raqqa, e un altro a Hassakeh. Quest’ultimo è una delle poche strutture sanitarie secondarie funzionanti e gratuite accessibili ai residenti del governatorato di Deir ez-Zor. Quasi il 75% dei pazienti che arrivano all’ospedale di Hassakeh proviene da quest’area, da località distanti fino a sei ore di strada.
Solo nel 2017, la violenza a Deir ez-Zor ha causato la fuga di almeno 254.000 persone. In media ogni persona è stata costretta a fuggire almeno 3 volte, determinando il più grande spostamento di massa in un governatorato siriano per quell’anno.
Mentre alcune persone sono riuscite a rientrare a casa, la maggior parte di loro sono ancora sfollate e si prevede che torneranno presto, a volte inconsapevoli dei pericoli che li attendono. Gli esperti di sminamento temono che centinaia di migliaia di dispositivi siano ancora nascosti nelle scuole, nelle strutture mediche e nei campi di Deir ez-Zor. Il timore si basa su quanto già riscontrato in altri governatorati e sulle informazioni raccolte in recenti incidenti.

FOTOSTORIA:
Cinque sorelle – “Guadate Sedar, non ha più le gambe”
(Credit: Louise Annaud/MSF)

Sedar ha  4 anni, è una delle cinque sorelle ferite da una trappola esplosiva a Dhiban, nel Deir ez-Zor. Le bambine stavano giocando mentre aiutavano a fare la legna sul tetto, quando un ordigno nascosto dietro un cumulo di lana è esploso e le ha quasi uccise. 

“Sono corso all’ospedale e quello che ho visto mi ha spezzato il cuore” racconta il padre. “Una delle mie figlie stava morendo. L’hanno stabilizzata alla meno peggio in un centro sanitario vicino, ma poi l’abbiamo portata in un ospedale di cui avevo sentito parlare. Guarda Sedar, non ha più le gambe sotto le ginocchia. È confusa perché delle volte sente ancora dolore ai piedi che non ci sono più. Piange. Per favore fate qualcosa per le mine. Fatele rimuovere. Dobbiamo salvare i nostri bambini.”

È una corsa contro il tempo. La gente sta tornando a vivere in quello che è in effetti un campo minato”, aggiunge Ida di MSF. “Se non si agisce presto, vedremo le conseguenze sul numero totale delle vittime. Tra l’altro, con il sistema sanitario di Deir ez-Zor paralizzato, spesso si deve viaggiare per ore prima di raggiungere la struttura sanitaria più vicina. Ma in questi incidenti ogni minuto conta. Se la persona non muore sul colpo, il ritardo nelle cure mediche è nella maggior parte dei casi uno dei fattori che determina la gravità del caso e i tempi di recupero per il paziente”.

L’azione di sminamento è urgente, ma anche le attività di educazione al rischio mine devono essere ampliate in modo che le persone possano prendere decisioni informate, imparare a identificare ed evitare trappole esplosive, sapere cosa fare immediatamente dopo l’esplosione di un dispositivo per effettuare un primo soccorso in caso di incidente. Tutto questo deve andare di pari passo con il miglioramento dell’accesso alle cure mediche di emergenza, in molti casi salvavita, per le vittime di ordigni esplosivi a Deir ez-Zor e altrove nel nord-est della Siria.

Questi dispositivi esplosivi non scelgono i loro obiettivi. Non rispettano i trattati di pace o un cessate il fuoco e possono rimanere nascosti per mesi o anni dopo la fine di un conflitto. Se non uccidono, distruggono le vite delle vittime e delle loro famiglie, destinando i feriti alla povertà quando compromettono le loro mani o le loro gambe”, conclude Ida di MSF.

MSF ha assistito 133 persone ferite da mine e trappole esplosive tra novembre 2017 e marzo 2018, con una media di un paziente al giorno. Il numero delle vittime colpite da questi infortuni è notevolmente aumentato dalla fine del 2017 (17 casi a novembre, 39 a dicembre) ai primi mesi del 2018 (41 casi a gennaio e 36 dall’inizio di febbraio al 14 marzo).

FOTOSTORIA:
Cinque fratelli e cugini – “Stavano solo giocando con le biglie”
(Credit: Louise Annaud/MSF)

Alì, 12 anni, è stato ferito da una mina insieme a quattro fratelli e cugini mentre erano al pascolo a guardare le pecore. Sono arrivati in un ospedale supportato da MSF a Hassakeh dopo cinque ore, portati dai parenti. Uno dei bambini, Nabil, di 5 anni, era già morto.

Ali è stato operato d’urgenza per una ferita addominale. Suo fratello Khaled (10) aveva una grave ferita alla testa con frattura del cranio. Marwan (8) e Redhwan (13) avevano ferite minori da schegge. “Sembrava un attacco aereo. Un boato fortissimo. L’abbiamo sentito tutti e siamo corsi a vedere cos’era successo” racconta la zia. “Non potevo crederci. Uno dei bambini aveva il cranio fracassato. Stavano solo giocando con le biglie. Uno dei bambini non è sopravvissuto. Possa Dio aiutarci ad assistere tutti gli altri. Abbiamo sentito di almeno 10 episodi simili recentemente, diverse persone sono morte sul colpo.” 

Recent Posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Start typing and press Enter to search