Gay pride: ne parliamo con Rossella Bianchi, portavoce delle “Princese” del ghetto

 In Costume & Società

Incontriamo Rossella Bianchi in centro storico, nel basso dove lavora come sex worker.
Siamo venuti da lei, la presidente dell’associazione “Princesa” che promuove i diritti delle persone transgender, per avere un’opinione sulla faccenda del ritiro del patrocinio del Comune di Genova al gay pride.

Una breve intervista, dove ci parla anche di come siano cambiate le frequentazioni del ghetto negli ultimi dieci anni, della concorrenza di internet e della situazione economica del Paese che non permette più di spendere per il sesso quanto si spendeva una volta: “Oggi la gente ha delle esigenze primarie più importanti”.

È una donna ironica, Rossella, che scherza sulla sua età: “Qui nel ghetto siamo over 50 e perdiamo quella fetta di clientela che vuole una compagnia giovane. Qui siamo per l’usato sicuro” aggiunge e poi sorride, seduta sulla sua grande poltrona in vimini che ha visto passare politici, sportivi e padri di famiglia.

Mentre stiamo chiacchierando con Rossella e ne apprezziamo il buonsenso, il Sindaco fa un comunicato su Facebook in risposta alla lettera aperta del Coordinamento Liguria Rainbow. 

Ecco il post:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Simona Tarzia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Recent Posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Start typing and press Enter to search