Disegnare una mappa della terapia per i pazienti oncologici… “Insomma, persino Dante aveva una guida”

 In Diritti

“Abbiamo sempre dato per scontato che i pazienti sapessero già tutto, che qualcuno glielo avesse spiegato. Ma chi poi?  L’orientamento per prima cosa. Il malato ha bisogno di riferimenti per trovare la via d’uscita. Il percorso sarà faticoso ma bisogna farlo. Ma come. Insomma, persino Dante aveva una guida”.

In queste poche righe sta il senso di H maps: una mappa per aiutare i malati oncologici a far fronte a quel senso di smarrimento che sempre ti assale  davanti a una diagnosi di cancro.
L’idea, in fondo, è semplice. Cosa può esserci di meglio di una mappa quando ti smarrisci?

È questo il pensiero di Laura Rossi, quando le viene diagnosticato il Linfoma di Hodgkin: “Se conosci la strada, la meta sembra più vicina e raggiungerla fa meno paura”. È da qui che nasce la mappa della terapia.
Un modo per districarsi nei meandri della sanità ma anche per capire come cambia il nostro corpo con la chemio.
In fondo, nessuno sa in anticipo come si abita in un corpo malato.

Simona Tarzia

Laura Rossi presenta H maps al Festival della Scienza 2017

Recent Posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Start typing and press Enter to search