Campo B: l’ennesima umiliazione messa in atto da una burocrazia cieca e indifferente

 In Diritti
Migranti si lavano nel fiume Roja. Ventimiglia, 28 luglio 2016

Migranti si lavano nel fiume Roja.
Ventimiglia, 28 luglio 2016

27.382 [1]

E’ questo il numero dei migranti che dal 1988 sono morti nel tentativo di raggiungere l’Europa. Naturalmente sono esclusi da questa macabra contabilità tutti gli invisibili che sono crepati per terra e per mare senza fare notizia e dei quali non sapremo mai neppure il nome.
Già, il nome.
Li abbiamo chiamati clandestini e abbiamo creato per loro un reato. Ne abbiamo radicalizzato la differenza in modo che fosse più semplice guardarli con fredde occhiate statistiche, renderli omologati, anonimi, subumani e giustificarne così l’emarginazione.
L’effetto più perverso di queste categorizzazioni è che si possono calpestare i diritti umani senza generare troppo rumore.

E’ il 28 luglio e al campo B – parco Roja, Ventimiglia – si schianta dal caldo e non c’è una goccia d’acqua: è l’ennesima umiliazione messa in atto da una burocrazia cieca e indifferente.
Il campo B, raccontano i volontari che ogni giorno sono attivi nella logistica, nel fornire i pasti o procurare l’acqua, è un campo informale dove sosta chi è in attesa della turnazione per entrare al vicino campo di permanenza temporanea della Croce Rossa, una novità nel quadro giuridico nazionale.
Attendono qui perché possono assicurarsi un pasto e dormire in parte al coperto. Il campo B, infatti, si snoda nello scalo ferroviario merci, oggi in disuso, che un tempo accoglieva le stalle per consentire il riposo e l’abbeveraggio agli animali trasportati con il treno.
Ma allora l’acqua c’è! Non proprio.
La burocrazia ha disposto che le tubature venissero intercettate a monte e ha chiuso l’erogazione negando anche i minimi servizi igienico-sanitari. Ora i 300 ragazzi – il campo B è solo maschile, famiglie e minori sono accolti da Don Rito nella Chiesa di Sant’Antonio a Gianchette – si lavano nel fiume Roja.

Che paese è questo, dove si permette alla politica e alla burocrazia di costruire l’inferiorità del migrante, di negarne l’umanità e renderlo inferiore alle bestie?

Simona Tarzia

[1] Dati al 2 febbraio 2016. Fonte: Fortress Europe

Recent Posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Start typing and press Enter to search